Arte

Come vendere i miei quadri online

Sei un artista emergente e vorresti diventare promotore di te stesso promuovendo le tue opere d’arte moderna online?

Decidere di vendere le tue opere online è un passo importante, che ti permetterà di arrivare ad un pubblico molto vasto di persone dislocate in tutto il mondo.

Se vuoi svincolarti dalla mediazione delle gallerie d’arte e dalla partecipazione a mostre collettive ed eventi del settore, che molto spesso chiedono un contributo di partecipazione fin troppo oneroso, puoi scegliere di appoggiarti ad una delle tante piattaforme online che offrono servizio di vendita per artisti emergenti.

 

Quale piattaforma scegliere

 

Il panorama delle piattaforme disponibili è davvero ampio, alcune sono più economiche, altre più dispendiose, a seconda del servizio offerto.

Prima di scegliere a quale piattaforma appoggiarti per la tua nuova avventura di autopromozione, considera pro e contro di ognuna, come ad esempio:

  1. Costi di gestione: a quanto ammontano? Sono sostenibili nel lungo termine?
  2. Percentuale sul venduto: la piattaforma si trattiene una percentuale sulle opere vendute attraverso il suo canale? Se si, si può considerare una percentuale ragionevole o eccessiva?
  3. Servizi offerti: che tipo di visibilità mi assicura la presenza nella piattaforma? Vengono fatte campagne promozionali di qualche genere per procacciare clienti?

Queste sono le prime tre domande che devi necessariamente farti prima di procedere alla sottoscrizione di qualsiasi abbonamento online.

 

Come presentarsi al meglio

 

Con l’avvento degli e-commerce e delle piattaforme di vendita online in generale, si sono abbattuti diversi limiti e confini, primo fra tutti quello territoriale. Attraverso la rete è oggi possibile raggiungere chiunque, in qualsiasi momento, e vendere non è mai stato così semplice. In un settore delicato come quello artistico, però, è di fondamentale importanza rendere chiara e di facile lettura l’approccio all’opera d’arte e per farlo le regole assolute da rispettare sono tre:

  1. Fotografie di alta qualità: proprio perché il tuo potenziale acquirente non può vedere l’opera di persona, tu devi assicurargli il massimo della qualità fotografica affinché lui possa farsi un’idea più chiara possibile. Questo significa mettere a disposizione del collezionista numerose immagini da poter visualizzare, con prospettive diverse, dettagli dell’opera, zoom sulla firma e, se vuoi colpire a segno, un’immagine dell’opera ambientata, in modo che possa rendersi conto della dimensione e dell’effetto sulla parete, nel caso in cui fosse questa la destinazione finale dell’opera.
  2. Didascalia precisa e completa: un’accurata selezione delle immagini deve necessariamente essere accompagnata da una didascalia precisa e dettagliata, in cui vengono citate le dimensioni precise dell’opera, il peso, l’eventuale presenza di una cornice, la data di esecuzione e la tecnica utilizzata per realizzarla. Se poi l’opera facesse parte di una precisa serie tematica, sarebbe interessante raccontare al potenziale cliente il processo creativo.
  3. Assicurazione e certificazione: ciò che spaventa di più negli acquisti online è l’incertezza, sotto ogni fronte. La cosa più importante da fare è rassicurare il cliente fin dall’inizio, assicurando che l’opera venga recapitata con il certificato di autenticità firmato dall’artista e soprattutto che la spedizione venga effettuata da professionisti, con le giuste precauzioni di imballaggio e di assicurazione di viaggio. Azzerare il timore di poter ricevere un’opera rotta o in cattive condizioni, è il primo passo verso l’acquisizione di un cliente felice e soddisfatto.

Leave a Comment