ITA   ENG      

Provincia di Rovigo

Visita RovigoNella provincia di Rovigo la tenacia degli abitanti, arginando ed incanalando i corsi d’acqua, ha trasformato e bonificato il suolo rendendo fertili e produttive la zone palustri.
Visitare il Polesine è comprendere il particolare equilibrio tra la terra dell’uomo e la natura dell’acqua.

La necessità di difendere e conservare questo delicato ecosistema ha portato, nel 1997, all’istituzione del Parco del Delta del Po. La zona è in continua trasformazione, e tra golene, foci, valli da pesca e lagune svernano e si riproducono migliaia di esemplari di fauna e avifauna. Nel grande Delta si riconciliano economia, storia, arte nella bellezza di un paesaggio sorprendente.
Le attività nel Parco sono molte: escursioni su battelli e barche, in canoa, itinerari ciclabili o da percorrere a cavallo. La valorizzazione turistica dei corsi d’acqua inoltre fa da motore per le altre attività, siano ambientali, sportive, escursionistiche, culturali, museali o enogastronomiche: nel corso della storia l’opulenza della committenza di Ferrara e della Repubblica di Venezia ha chiamato nel rodigino illustri architetti, pittori e scultori. Qui la “civiltà delle ville venete” vede la sua massima espressione nella Palladiana Villa Badoer che domina il piccolo centro di Fratta Polesine.
Questo comune insieme agli altri 13 del Parco del Delta del Veneto, con le loro corti rurali ed i borghi sulle rive del fiume sorprendono nella loro vitalità e nel carattere peculiare della loro vita tra terra e acqua. La provincia di Rovigo nel passato è passata alla ribalta di tutte le cronache a causa delle alluvioni (la più imponente nel 1951, l’ultima di rilevanza nel 1966), eventi che già da epoche remote condizionano l’economia e la società locale. Il termine “polesine” infatti, indicava in origine un isolotto di terra emersa nel corso di un fiume, dal carattere transitorio, destinato ad essere sommerso alla successiva alluvione. 

Numerose, nel corso della storia, le opere di ingegneria idraulica. Tra le più grandiose sicuramente il taglio del Po, avvenuto nel 1604, per opera della Repubblica di Venezia: per evitare l'interramento della laguna si fece deviare a sud il corso del fiume, dando vita al suo Delta. Il toponimo conserva la memoria dell'avvenimento: Taglio di Po Rovigo.

 

Foto