ITA   ENG      

Provincia di Pavia

Ponte coperto di PaviaLa provincia di Pavia è profondamente influenzata, dal punto di vista ambientale, economico e storico, dalla presenza dei fiumi Ticino e Po, che si incontrano 4 km a sud del capoluogo e che la dividono in tre zone: la zona del Pavese a nordest, la Lomellina tra Ticino e Po a nordovest, e l'Oltrepò a sud.

La zona tra i due fiumi, il territorio del Siccomario è in continua evoluzione: il suo nome deriva probabilmente dal temine “sicut mare”, poiché in questo punto il suolo è costituito dai caratteristici sabbioni (resti di antiche dune), un tempo assai più numerosi.
La particolarità di questa situazione geografica ha fatto la fortuna del pavese.

La navigabilità del fiume con la presenza di vasti terreni agrari fanno di Pavia una città facoltosa e vivace.

Con la fondazione, nel 1362, di uno Studium Generale diventa città universitaria e prestigioso sito di studio e di ricerca: Alessandro Volta fece qui i suoi primi esperimenti con l’elettricità.

Minerva, dea della sapienza, diventa simbolo della città la quale oggi, con i suoi monumenti, con la preziosa architettura e con una lunga tradizione di accoglienza è un centro a misura d’uomo e meta di turismo culturale.

 

Foto