ITA   ENG      

Parchi e oasi naturali lungo il Po

FiumePo ParchiLungo il corso del fiume Po si trovano 8 parchi e 50 oasi naturalistiche. Ogni parco è a suo modo speciale e oltre alle diversità di fauna e ambiente è possbile percorrerlo e scoprirlo in vari modi. In navigazione, a cavalo, a piedi o in bicicletta. Le attività che si possono praticare sono tante: birdwatching, cicloturismo, trekking, navigazione e pesca solo per citarne alcune.

Complessivamente ci sono 380 kmq di delta compresi nel Parco Regionale del Delta del Po dell’Emilia-Romagna e nel Parco del Delta del Veneto. Altri tre parchi si trovano in Piemonte (Parco fluviale del Po tratto cuneese, Parco fluviale del Po tratto torinese, Parco fluviale del Po tratto vercellese – alessandrino) e cinque in Lombardia (Parco Lombardo della Valle del Ticino, Parco Adda sud, Parco del Po e del Morbasco, Parco del Mincio, Parco Oglio sud).

Gli itinerari all’interno del Parco fluviale del Po torinese alternano paesaggi naturalistici di rilievo a segni della presenza umana, sia storica che contemporanea e sono suddivisi in tre grandi macro itinerari: Po dei Laghi, Po dei Re e Po delle Colline.

Nel vastissimo Parco del Ticino, compreso tra Piemonte e Lombardia, ci sono circa 780 km di percorsi ciclo-pedonali. Di interesse particolare il tratto che, da Garlasco a Pavia, ripercorre l’antica via Francigena. Più a est, l’alta concentrazione di zone umide rende il territorio mantovano luogo di habitat di particolare pregio, come è evidente dal numero di riserve e zone protette che rendono la provincia meta ideale per gli eco turisti.

Sconfinando in Emilia, il Po a Piacenza scorre attraverso una serie di parchi dove sopravvivono e vengono salvaguardate specie botaniche ormai quasi del tutto estinte, ad esempio la quercia palustre. La presenza di estese zone umide e sabbioni che richiamano numerose specie di uccelli sia stanziali che migratori: rondini di mare, fraticelli, falchi, gufi, picchi, gruccioni. Negli ultimi chilometri di fiume si snoda il Parco del Delta del Po, compreso tra le province di Rovigo del Veneto e Ferrara e Ravenna dell’Emilia-Romagna: qui la presenza di oltre 300 specie fra nidificanti, svernanti o di passo, permettono di effettuare un eccezionale turismo di nicchia, quello del birdwatching. Insieme ad alcuni mammiferi, come il “cervo delle dune” del Bosco della Mesola, costituiscono un patrimonio di fauna di elevato valore.

 

Foto