ITA   ENG      

Provincia di Piacenza

Visita la provincia di PiacenzaLa Provincia di Piacenza si estende nella pianura Padana a sud del fiume Po, nella parte occidentale della regione Emilia-Romagna.

Piacenza, "città dalle cento chiese e dalle cento caserme", è la porta del nord dell'Emilia. Sulla destra del fiume Po, poco a valle del torrente Trebbia, è in una posizione di cerniera tra il Fiume, la grande Pianura e gli Appennini.
Zona privilegiata e strategica per il commercio fluviale e per questo abitata già dalla preistoria, fu baluardo contro le invasioni puniche e barbariche in epoca romana. In età medievale visse un periodo di grande prosperità passando attraverso il dominio dei Pallavicini, dei D'Angiò, dei Visconti, degli Sforza e dei Farnese. Sotto i Farnese fu costituita in ducato insieme a Parma. Occupata da Napoleone, con la pace di Vienna venne affidata a Maria Luisa d'Austria, i cui discendenti la ressero fino all'Unità d'Italia.
Piacenza possiede un ricco patrimonio artistico, dalle esperienze del Rinascimento fino agli esempi di edilizia civile del XVII e XVIII secolo; offre al visitatore scorci di bellezza e grande suggestione, nonostante i bombardamenti che la colpirono durante la Seconda Guerra Mondiale. Oggi è un importante polo terziario e dei servizi ed eccelle nell'industria di precisione.
Piacenza è la città che più di tutte si potrebbe dire rivierasca: vista dal fiume presenta il profilo dell’imponente mole di palazzo Farnese, degli alti campanili e le sue chiese; anticamente il fiume si collegava alla città attraverso un canale navigabile ormai scomparso, oggi il Po lambisce il lato settentrionale del centro storico. Da Piacenza il Po riprende il suo andamento sinuoso, i meandri raccolgono penisole in cui si conservano frammenti di quell’ambiente originario di bosco e di palude che nei secoli passati era diffuso in tutta la valle.

 

Foto